Pardy Roads ep. 5: sport in vacanza

Una nuova puntata di Pardy Roads, la rubrica dedicata ai GEO – runners.

La bella stagione ormai è alle porte e con essa c’è più voglia di uscire di casa, fare qualche gita, muoversi. Tutte occasioni che, se debitamente organizzate, possono darci la possibilità di fare molto movimento, in particolare camminate e corse.

Ogni ambiente può darci uno spunto per diverse tipologie di attività fisica, alla scoperta di nuove discipline e di luoghi suggestivi e particolari. La nostra gita fuori porta – che sia in giornata o per il week end – può trasformarsi in una piacevole scoperta.

Ecco qualche idea.

Una giornata al mare. Quante volte mentre prendiamo il sole o facciamo il bagno vediamo avventori che, armati di cuffiette e portacellulare da braccio, corrono lungo il bagnasciuga? Certo, la spiaggia può essere un’ottima cornice per le nostre corse o camminate però facendo attenzione ad alcune cose. Ovviamente evitare le ore più calde, quindi mettiamoci in moto la mattina presto o al tramonto (l’aria sarà sicuramente più fresca e piacevole e il sole non ci batterà direttamente sulla testa). Avere con sé un cappellino o una bandana per coprire la testa, un portacellulare (mai tenerlo in mano perché ci fa’ muovere il busto in maniera scorretta), usare la crema sola se la nostra pelle è molto sensibile e assolutamente indossare le scarpe. La strana e pericolosa abitudine di correre sulla sabbia senza scarpe è da abbandonare. Innanzitutto, la sabbia può essere molto calda e provocare delle piccole ustioni alle piante dei piedi, ma oltre a questo la sabbia è ricca di insidie: conchiglie, vetri, pezzi di legno che possono conficcarsi nei piedi. Altra cosa importante è evitare di correre sul bagnasciuga perché, essendo scosceso, ci obbliga a correre con la schiena storta e questo non fa bene né alla postura né alle ginocchia né alle anche, che vengono sollecitate in modo diverso e non equilibrato. Di contro correre sulla sabbia offre un vantaggio molto interessante: essendo una superficie instabile obbliga i nostri muscoli a costanti adattamenti per mantenerci in equilibrio e questo è sia un ottimo potenziamento per gli arti inferiori che un rinforzo dell’articolazione tibio-tarsica.

Su e giù per le colline. Pensiamo alla Toscana, il Veneto o l’Umbria (senza nulla togliere ad altre meravigliose regioni) dove le colline abbondano e, tra di esse, sparsi tra i vigneti o gli uliveti, si trovano decine di bellissimi agriturismi dove passare un week end o le vacanze all’insegna del relax. Questo bucolico ambiente può diventare lo scenario perfetto per un allenamento stile “cross-country”. Per chi ha piacere di fare movimento restando nella semplicità è sufficiente seguire le strade sterrate che si trovano facilmente su e giù per le colline. Per i più abituati ed avventurosi, il saliscendi può diventare altamente allenante sia dal punto di vista della capacità aerobica sia da quello della forza. Le variazioni di altitudine, anche se minime vista la tipologia di percorso, fanno si che i nostri muscoli vengano maggiormente sollecitati producendo due importanti effetti: al muscolo viene richiesto di sviluppare una maggiore forza per spingere o frenare il nostro corpo e, di conseguenza, richiedendo una maggiore quantità di ossigeno, obbligano i polmoni a lavorare ad un ritmo maggiore per sopperire a questa necessità (in questo processo intervengono molti fattori ma al momento è sufficiente fermarsi a questo). A differenza della sabbia, che è molto instabile, i percorsi collinari generalmente si sviluppano su strade sterrate o ghiaino e le articolazioni sono un po’ meno sollecitate. Resta comunque molto importante il carico sulle ginocchia vista la presenza di salite e discese.

Anche in questo caso sono importanti alcuni accorgimenti. Dotatevi di scarpe adatte alla corsa, in particolare con una buona suola di modo che si senta meno l’effetto dei sassi sulla pianta del piede. Se uscite la mattina presto o dopo il tramonto indossate una giacca antivento (si trovano a basso costo dei semplici smanicati molto leggeri) perché l’umido può essere molto insidioso. Infine, una bella spruzzata di repellente per insetti!

Un consiglio da appassionato? Sacrificate qualche minuto di sonno e uscite per la vostra corsa o camminata la mattina presto, magari appena prima dell’alba; nei posti “giusti” si potranno trovare animali selvatici che si godono gli ultimi momenti di fresco prima del sorgere del sole e sarà un’esperienza davvero emozionante.

A prescindere da quale sia il posto dove ci alleniamo, dobbiamo tenere a mente due cose molto importanti: mai sopravvalutarsi, quindi pensiamo bene al percorso che vogliamo fare in relazione alle nostre capacità, tenendo a mente che, se non si tratta di un percorso ad anello, dobbiamo anche fare il ritorno; idratarsi con frequenza perché, in particolare nel periodo estivo in cui si suda molto, il nostro corpo espelle molta acqua va costantemente riequilibrato il contenuto idrico corporeo.

Nella prossima puntata andremo a vedere altri scenari dove fare i nostri allenamenti anche quando siamo in vacanza e vi darò qualche consiglio per effettuarli in tutta sicurezza per il nostro fisico.

Ma soprattutto registratevi nella nostra piattaforma (clicca qui) e condividete i vostri percorsi, in particolare quelli mozzafiato, con paesaggi particolari e che vi hanno emozionato!!! Vacanze, relax e sport sono una triade vincente!!! Taggateci su Facebook ed Instagram!!!

Vi aspettiamo!!!

#bethesportsideofyourcity #BeActive #geopardproject #geopardbyfidal #geopardlifestyle #geopardcommunity #PardyRoads #geopardfamily #healthylifestyle #Runtogether #runnerscommunity #runwithus #runningfriends #runningfamily #runningbuddies #runhappy #runforfun #runtheworld #runlife #togetherisbetter #togetherwearestonger #runadvice

FOLLOW US ON: Instagram @geopardproject | Facebook @geopardoproject | YouTube GEOpard project


Editore della rubrica è Niccolò Rettore, ex atleta (specialità i 400m piani), Giudice Nazionale ed istruttore di Atletica Leggera da 10 anni, specializzato nella velocità fino ai 400m.

Lascia un commento